Youtube Facebook
 

“Il rafforzamento del potere di azione delle donne e la loro piena partecipazione su basi paritarie a tutti i settori della vita sociale, inclusa la partecipazione ai processi decisionali e il loro accesso al potere, sono fondamentali per il raggiungimento della uguaglianza, dello sviluppo e della pace.”
Piattaforma d’azione. IV Conferenza mondiale delle donne.
Pechino 1995.

Accedi a: I saperi delle donne
User ID:  
Password:  


 
  
 
Registrazione
candidata
Recupero UserID Recupero password Registrazione
ente
 

La Regione Toscana ha introdotto già dal 2008 norme che favoriscono un’equilibrata rappresentanza di genere in tutte le nomine di propria competenza. Più di recente la legislazione nazionale ha introdotto l’obbligo di rispettare quote di rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione e collegi sindacali delle società quotate e delle società a controllo pubblico.

Questi correttivi normativi non sono affatto in contrasto con l'obiettivo di aumentare la meritocrazia, anzi la favoriscono. Le società italiane, quotate e non quotate, nelle quali è donna almeno il 20% del top management hanno ottenuto nel triennio 2007-2009 una redditività superiore alle società che hanno meno del 20% di presenza femminile al vertice e l’utile operativo delle imprese con più donne al vertice è del 56% superiore a quello delle imprese dominate dagli uomini. (Women at the top of Corporations: Making it Happen, 2010).

La Banca dei Saperi delle Donne – istituita con legge regionale 16/2009 “Cittadinanza di genere” - intende facilitare il passaggio dall’astrazione dei principi enunciati, alla concretezza delle azioni positive. Gli organi di rappresentanza, così come qualunque altro ente pubblico o ente partecipato della nostra regione, potranno facilmente accedervi per ricercare i profili che rispondono ai requisiti richiesti per eventuali designazioni.

La gestione della Banca dei Saperi delle Donne è affidata alla Commissione Regionale per le Pari Opportunità che intende farne un efficace strumento per favorire la designazione delle donne nei diversi organi amministrativi e per consentire una puntuale e corretta applicazione delle norme regionali e nazionali.

 
Nomine Giunta Regionale Nomine Consiglio Regionale